Eni, per Centrosim la cedola ricca non risolve i problemi

Inviato da Redazione il Ven, 20/05/2005 - 11:38
Quotazione: ENI
Nei corridoi di piazza Affari si torna a speculare sull'ipotesi che l'avvicendamento al vertice di Eni con l'arrivo di Paolo Scaroni possa implicare una politica molto più aggressiva dal punto di vista dei dividendi, con possibilità di un dividendo straordinario da distribuire in tempi brevi. "Rumors o meno, è chiaro che Scaroni dovrà risolvere alcuni importanti aspetti, come quello del riequilibrio del leverage di Eni", tagliano corto gli analisti di Centrosim nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com. "Ovviamente il gruppo non è una utility e la volatilità dei suoi flussi di cassa è notevolmente superiore a quella di Enel, ma indubbiamente la situazione di forza del settore energetico impone alcune scelte perentorie in termini di ulteriore sviluppo degli investimenti, acquisizioni e remunerazione agli azionisti per ribilanciare un leverage che, anche alla luce della cessione di asset regolati, è del tutto inefficiente", aggiungono. Rating buy confermato con target price a 25,1 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA
Superspazzola scrive...
absbeginner scrive...
aspigasca scrive...