1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Rating ›› 

Energy e Telecom per puntare sull’Est Europe (Fondionline.it) -3

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel 2007 resta promettente il mercato azionario ungherese. In genere si prevede ora uno spostamento della parità in direzione dell’attuale livello in vista dell’introduzione dell’euro. Per quanto riguarda la politica, si continua a mirare ad un’adesione all’euro per il 2009, sarà tuttavia necessario tenere sotto stretta osservazione gli sforzi in questo senso, anche per quanto riguarda la riduzione dell’inflazione. Nelle ultime settimane, anche il leu rumeno è stato in grado di crescere di valore nonostante la sua poco attraente situazione fondamentale grazie alla prima asta obbligazionaria locale accessibile internazionalmente. I margini delle eurobbligazioni esteuropee sono stati in grado di collegarsi all’andamento in discesa dei rendimenti internazionali o, addirittura, di restringersi leggermente.
Spostando l’attenzione sul segmento obbligazionario, i manager del Raiffeisen Obbligazionario EuroVisione individuano le seguenti variabili a supporto del mercato dei titoli di debito: le buone prospettive congiunturali in Eurolandia ed Europa dell’est, la dinamica inflazionistica bassa e l’ambiente fondamentale – che continua a restare favorevole per i mercati dell’Europa orientale, ed i livelli valutari dell’est europeo – che restano attraenti a lungo termine. I mercati dovrebbero continuare ad essere sostenuti nonostante i leggeri peggioramenti che si sono evidenziati nelle ultime settimane sia per quanto riguarda l’inflazione che per quanto riguarda i dati del commercio con l’estero.
La dimensione del posizionamento racchiude, tuttavia, il rischio di un proseguimento della correzione. Sui mercati globali, inoltre, resta il rischio di un peggioramento della propensione al rischio. Il team ha ulteriormente esteso il posizionamento difensivo del Fondo. Per il momento, sia Polonia che Ungheria restano sottoponderate e con duration abbreviata, in attesa di livelli inferiori per un nuovo posizionamento.
È stata, inoltre, implementata una sottoponderazione della corona slovacca e di quella ceca nonché del leu rumeno. A cura di www.fondionline.it

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Creval: Fitch taglia rating, outlook è negativo

Fitch Ratings ha ridotto il rating a lungo termine del Credito Valtellinese a “BB-“ da “BB” e il Viability Rating a “bb-“ da ”bb”, già posti sotto osservazione con implicazioni negative lo scorso 24 marzo. L’outlook è negativo.

INVESTIMENTI

Italia: ancora cautela su ritorno incertezza politica (analisti)

Prudenza sull’Italia. E’ il consiglio di Gilles Guibout, responsabile investimenti Equity Europa di AXA Investment Managers: “Il potenziale ritorno dell’incertezza politica in Italia suggerisce cautela”. Secondo l’esperto, l’andamento del mercato, so…

RATING

Credit Suisse: giudizi degli analisti spingono il titolo

Seduta positiva sul listino elvetico per il Credit Suisse, in aumento del 3,57% a 13,63 franchi. Deutsche Bank ha annunciato di aver promosso il titolo CSGN a “comprare” con prezzo obiettivo fissato a 15 franchi.

Dal punto di vista patrimoniale, …