Energia: Iea lancia allarme, consumo previsto in forte crescita soprattutto in Cina

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“La crescita, la prosperità e la crescita della popolazione aumenteranno inevitabilmente i bisogni energetici nei prossimi decenni”, ha avvertito Maria van der Hoeven, direttore esecutivo dell’International Energy Agency (Iea), commentando il World Energy Outlook. Nel rapporto, diffuso oggi, la domanda di energia a livello globale è infatti attesa in crescita di un terzo tra il 2010 e il 2035, soprattutto nelle economie in via di sviluppo. La Cina consoliderà la sua posizione come il primo Paese al mondo per consumo energetico, che potrebbe arrivare al 2015 fino al 70% in più di quello degli Stati Uniti. In questo scenario, le energie rinnovabili copriranno solo il 18% dei consumi nel 2035 rispetto all’attuale 13%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…