Enel, trimestrale in linea con le attese

Inviato da Daniela La Cava il Gio, 08/11/2007 - 17:49
Quotazione: ENEL

A circa mezz'ora dalla chiusura di Piazza Affari sono arrivati i conti di Enel. Nei primi nove mesi del 2007 il gruppo energetico italiano ha riportato un margine operativo lordo (ebitda) in crescita di oltre il 7%, attestandosi 6.711 milioni di euro rispetto ai 6.264 milioni di euro dello stesso periodo del 2006. È la crescita generalizzata di tutte le divisioni operative, parzialmente compensata dal minor margine della capogruppo e dell'area servizi e altre attività, a contribuire maggiormente. Numeri positivi che sono risultati in linea con le stime di Euromobiliare, che "si attendeva dei buoni conti grazie a un miglioramento in tutte le divisioni e un'ebitda in crescita del 7%".

Sono stati sostanzialmente positivi come quelli dello stesso periodo dell'anno precedente i ricavi del 2007 pari a 28.760 milioni di euro. Segno meno per il risultato operativo (ebit), che è sceso del 2,7%, portandosi a quota 4.751 milioni di euro, in diminuzione di 134 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2006. Un calo che risente soprattutto del provento lordo generato nel 2006 dallo scambio azionario del 30,97% del capitale di Wind contro il 20,9% del capitale di Weather Investments, pari a 263 milioni di euro.

Per quanto riguarda il risultato netto del gruppo ammonta a 2.678 milioni di euro contro i 2.640 milioni dello stesso periodo del 2006 (+1,4%), che includeva 256 milioni di euro riferibili al provento netto generato dall'indicato scambio azionario Wind-Weather.

"Il buon andamento dei primi nove mesi dell'anno conferma la previsione di risultati operativi per l'intero 2007 in crescita rispetto a quelli del 2006 - commenta Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel - Significativo, fra gli altri, l'incremento dei risultati della divisione internazionale che viene ampiamente rafforzata dal successo dell'Opa su Endesa e dall'espansione in Russia".
 
Chiusura in flessione per Enel a Piazza Affari. In una giornata tinta di rosso per il mercato italiano, il titolo del gruppo energetico ha perso lo 0,60% a 8,28 euro per azione.
COMMENTA LA NOTIZIA