1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Enel: tonfo del titolo a Piazza affari, pesa il downgrade di Ubs

QUOTAZIONI Enel
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Enel paga in Borsa la bocciatura di Ubs. Il broker svizzero ha abbassa il il giudizio sul titolo del colosso energetico a sell dal precedente neutral, con target price fissato a 2,90 euro.

Gli analisti ritengono che la tassazione ad hoc in Spagna, il calo dei prezzi dell’energia in Italia e in Slovacchia e il ripristino dei guadagni nelle reti nazionali starebbero a significare che i profitti di Enel potrebbero continuare a scendere da questo momento fino al 2016. In questa ottica, gli esperti si aspettano un rendimento del dividendo inferiore alla concorrenza e vedono un rischio per la società di dover attuare cessioni di asset di qualità.

“Stimiamo un debito netto 2012 per Enel a 59 miliardi di euro, una volta corretto da deficit tariffario, piani pensionistici, forniture nucleari e debiti finanziari. Poiché il rimborso del debito è verosimilmente destinato a rimanere una priorità per il management, ci aspettiamo che il payout ratio possa rimanere circa al 40% per almeno due anni. Questo significa che Enel avrà un rendimento inferiore al 5%, al di sotto della media dei concorrenti”.

Il deterioramento dei fondamentali e la pressione derivante dalle agenzie di rating potrebbero causare al gruppo un accelerazione del processo di deleveraging. Gli esperti prevedono un potenziale disinvestimento pari a 6,5 miliardi di euro e vedono nelle attività in Est Europa gli asset più adatti a essere ceduti. “Nello scenario peggiore questo potrebbe abbassare l’Eps 2015-2016 a 33-34 centesimi”, conclude Ubs.

Il titolo sul Ftse Mib cede al momento il 2,43% a 3,126 euro.