1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Enel sotto pressione a Piazza Affari, ma nel breve rimane long

QUOTAZIONI Enel
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Enel potrebbe essere costretta a rivedere al ribasso la sua politica dei dividendi per il prossimo anno. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato Fulvio Conti in un’intervista all’agenzia Bloomberg attribuendo la necessità agli effetti della Robin Hood tax. Una notizia che vale al titolo Enel una delle performance peggiori sul Ftse Mib. Dopo il giro di boa di metà seduta il ribasso dell’azione Enel supera abbondantemente i 3 punti percentuali, con un minimo di seduta toccato a 3,408 euro. Uno scivolone che per il momento non compromette un quadro grafico che nel breve-medio termine è tornato in positivo dopo i 28 punti percentuali guadagnati dai minimi del 23 setembre scorso. A sostenere le quotazioni del titolo sui minimi della seduta odierna sono state la media mobile a 14 giorni e la ex-resistenza intermedia di quota 3,37 euro. Solo in seguito a una violazione di questa area di supporto Enel darebbe un segnale di debolezza. Sul fronte opposto, per contro, nuovi spunti rialzisti di Enel diventeranno possibili con la rottura dell’importante resistenza di quota 3,65 euro dove discende anche la trendline ribassista di medio termine ottenibile dall’unione dei massimi del 31 maggio e 7 luglio. Necessaria una chiusura sostenuta da volumi sopra tale livello per assistere a nuovi allunghi in direzione di 3,80 e 3,94 euro. L’impostazione rialzista di Enel può esser sfruttata anticipando un nuovo tentativo di rottura al rialzo con ingressi a 3,52 euro. Target a 3,64, 3,80 e 3,94 e stop loss su caduta al di sotto di 3,42 euro.