Enel in rosso nell'ultimo giorno di negoziazione dei diritti legati all'aumento

Inviato da Carlotta Scozzari il Ven, 12/06/2009 - 09:55
Quotazione: ENEL
Dopo una partenza in rosso e una fase di ripresa subito dopo, sono tornate le vendite sulle azioni Enel, con il titolo che sul listino del Ftse Mib al momento cede l'1,23% stazionando a 3,605 euro. Da segnalare che oggi è l'ultimo giorno di negoziazione dei diritti connessi all'aumento di capitale partito il primo giugno: tali titoli ora fanno registrare un deciso ribasso del 4,23% attestandosi a 0,4305 euro. Ieri il ministro libico della Pianificazione e numero uno del Lybian Investment Authority, Abdulhafid Zlitni, confermando le numerose indiscrezioni che si erano rincorse negli ultimi giorni, ha annunciato che la Libia ha messo gli occhi sul settore dell'elettricità e delle energie rinnovabili italiane e in particolare su Enel. Da segnalare che oggi è in agenda un incontro tra lo stesso Zlitni, il Muhammar Gheddafi, il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, e alcuni manager italiani tra cui l'amministratore di Enel, Fulvio Conti.
COMMENTA LA NOTIZIA