Enel: fatturato ed Ebitda 2009 in rialzo, confermata riduzione del debito

Inviato da Daniela La Cava il Ven, 05/02/2010 - 11:09
Quotazione: ENEL
Arrivano indicazioni positive dai dati preliminari 2009 di Enel, con ricavi e margine operativo lordo (ebitda) in rialzo pur in un contesto economico sfavorevole. Ieri sera a mercato chiuso il gruppo energetico italiano ha annunciato un giro d'affari pari a 64 miliardi di euro, +4,6% rispetto ai 61,2 miliardi dell'esercizio precedente. L'Ebitda ha invece segnato un progresso a doppia cifra, pari a circa l'11,9%, attestandosi a 16 miliardi di euro rispetto ai 14,3 miliardi del 2008 (Consensus pari a 9,8 miliardi).
 
Prosegue anche il piano di riduzione del debito. Stando ai dati preliminari presentati ieri l'indebitamento finanziario netto di Enel è salito, passando da 50 a 51 miliardi, ma in riduzione di circa 3 miliardi rispetto al 30 settembre 2009. "La variazione su base annua - si legge in una nota della società- risente dell'acquisizione del 25,01% del capitale della spagnola Endesa, i cui effetti sono stati compensati dall'operazione di aumento di capitale sociale di Enel, dal beneficio derivante dalle cessioni effettuate nel corso dell'esercizio e dagli ulteriori crediti finanziari derivanti dalle modifiche normative inerenti il deficit del sistema elettrico spagnolo".
Sul fronte debito sono incoraggianti le parole di Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel. "Stiamo proseguendo nella politica di riduzione del debito che ci consentirà di assorbire gli effetti dell'acquisizione di Endesa e di mantenere il nostro impegno a ridurre l'indebitamento finanziario netto consolidato a 45 miliardi di euro entro fine anno". I risultati dell'intero esercizio verranno diffusi il prossimo 17 marzo. Nonostante questi numeri, il titolo Enel cede lo 0,59% a 3,8 euro per azione.

Secondo gli esperti di Centrosim, nell'ultimo trimestre 2009 Enel è riuscita a mantenere prezzi di vendita dell'energia nettamente più elevati rispetto ai forti cali registrati dai prezzi dell'elettricità sulla borsa elettrica (PUN). Inoltre, questa dinamica dovrebbe avere favorito l'andamento del circolante che ha già un fisiologico miglioramento a fine anno a causa della stagionalità. Per questa ragione gli analisti ribadiscono un outlook positivo sul titolo. All'indomani dei conti gli analisti di Barclays hanno invece reiterato la raccomandazione "equal-weight" su Enel, con target price a 3,7 euro per azione. "Nonostante i rassicuranti numeri, le nostre preoccupazioni rimangono sull'outlook dei prezzi dell'elettricità sia in Italia sia in Spagna", ha rimarcato il broker inglese.

COMMENTA LA NOTIZIA