Enel, Euromobiliare riduce target price a 7,9 euro

Inviato da Redazione il Mer, 13/04/2005 - 10:33
Quotazione: ENEL
Il cda di Enel ha deciso di allineare il valore di carico di Wind ai prezzi della possibile cessione del 63%. In altre parole è stato ridotto l'utile netto consolidato 2004 di 713 milioni. "Ai fini della cessione l'indebitamento di Wind è stato rettificato dai 6,7 miliardi di fine 2004 a 7,5 miliardi, che implica un valore dell'equity a 4,7 miliardi rispetto ai 5,5 miliardi da noi stimati", spiegano gli analisti di Euromobiliare nella nota uscita oggi e raccolta da Spystocks. "L'incasso per il 63% di Wind sarebbe quindi pari a 2,9 miliardi contro i 3,4 miliardi attesi". Secondo i calcoli degli analisti "l'impatto sulla valutazione di Enel è negativo del 1,5%". Motivo che li ha spinti a dare una sforbiciata al prezzo obiettivo dell'azione. "Riduciamo il target price a 7,9 euro per azione e l'attesa di distribuzione di dividendi straordinari, a conclusione della cessione prevista per metà maggio, dai precedenti 90 centesimi a 75 centesimi", dichiarano gli esperti di Euromobiliare, che aggiungono "confermiamo il giudizio neutrale perchè non vediamo una storia industriale. Ci attendiamo però che sarà sostenuto dagli elevati yield, pari a circa l'8%".
COMMENTA LA NOTIZIA