1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Enel: chiuso 2016 con Ebitda migliore di attese, centrate le guidance

QUOTAZIONI Enel
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Enel ha pubblicato nel primissimo pomeriggio i conti preliminari dell’esercizio 2016. Numeri alla mano il gruppo guidato da Francesco Starace ha registrato ricavi in calo del 6,7% a 70,6 miliardi di euro, a fronte dei 75,7 miliardi di euro registrati nel 2015. La flessione è attribuibile in via principale alla contrazione segnata nelle vendite di energia elettrica e dalle minori attività di trading sulla stessa.

A livello operativo l’Ebitda ordinario è migliorato dell’1,3% a 15,2 miliardi di euro, a fronte dei 15 miliardi di euro del 2015. Tale dinamica beneficia “dei migliori margini registrati in America Latina e sui mercati retail di Italia e Spagna”, precisa il comunicato stampa diffuso dalla società.

L’Ebitda (margine operativo lordo) si è attestato a 15,3 miliardi di euro, invariato rispetto al 2015. Tale risultato è stato ottenuto includendo nell’aggregato gli effetti delle operazioni straordinarie avvenute nel periodo. A livello operativo, dunque, Enel ha centrato i target aziendali, annunciati lo scorso novembre, che erano pari a 15 miliardi per l’Ebitda.

I risultati economici snocciolati quest’oggi sono stati misti, con il giro d’affari che non ha superato le aspettative degli analisti, che avevano stimato un controvalore pari a 73,8 miliardi. Va meglio invece all’Ebitda che si è collocato leggermente sopra le previsioni ferme a 15 miliardi.

A livello patrimoniale il 2016 è terminato con un livello di indebitamento finanziario netto sostanzialmente in linea con l’anno precedente ma superiore rispetto alle previsioni. Nel dettaglio, la grandezza si è fissata a 37,6 miliardi di euro al 31 dicembre 2016, mentre a fine 2015 era pari a 37,5 miliardi e contro una previsione che vedeva la grandezza più in basso, a 37,3 miliardi.

In questo quadro le azioni del gruppo hanno reagito sommessamente in Borsa, pur mantenendo l’impostazione positiva che permane da inizio settimana e che ha permesso al titolo di riportarsi sopra i 4 euro. Al momento le azioni del gruppo guadagnano lo 0,7 per cento.