Enel ben comprata, Prodi rilancia accordi Italia-Russia sull'energia

Inviato da Jacopo Dettoni il Lun, 17/07/2006 - 16:15
Quotazione: ENEL
In una giornata abbastanza grigia per l'intero listino milanese, si sta mettendo in evidenza Enel, che guadagna ora l'1,43% a 6,735 euro. Nel weekend, al margine del G8 appena conclusosi a San Pietroburgo, il primo ministro, Romano Prodi, ha rilanciato il tema degli accordi bilaterali con la Russia sulla questione energetica, individuando tra le società potenzialmente coinvolte naturalmente Enel ed Eni, ma anche le ex municipalizzate, che potrebbero costituire un possibile "canale di sfogo" delle ambizioni di Gazprom sul mercato italiano della distribuzione. D'altronde, il governo si sta muovendo proprio nell'ottica indicata dagli esponenti degli 8 paesi più industrializzati nel documento d'intenti sottoscritto al termine dell'evento di San Pietroburgo, chiaro nell'affermare la necessità di ampliare il mercato dell'energia riducendo i limiti che ancora ostacolano l'investimento in risorse energetiche e il loro trasferimento, "rendendo dunque possibile per le società dei paesi produttori e consumatori di investire e acquistare attività di upstream e downstream sul mercato internazionale". E viene inoltre riconosciuto ai governi e alle istituzioni internazionali un ruolo chiave nel favorire la realizzazione di un simile progettto.


COMMENTA LA NOTIZIA