Enel avvia progetto con Itea ed Enea per ridurre a zero emissioni centrali a carbone

Inviato da Micaela Osella il Mar, 17/10/2006 - 15:29
Quotazione: ENEL
Enel ha firmato oggi un accordo di collaborazione con Itea, società del gruppo Sofinter, ed Enea per lo sviluppo di una tecnologia avanzata che potrebbe consentire di ridurre ulteriormente, portandole quasi a zero, tutte le emissioni delle centrali termoelettriche alimentate a carbone, attraverso un innovativo sistema di combustione. Il nuovo processo è in grado di trattare combustibili solidi, limitando al minimo la produzione di inquinanti e garantendo, nel contempo, un elevato grado di efficienza energetica. L'accordo - si legge sulla nota - prevede che in una prima fase si verifichi, attraverso attività sperimentali e modellistiche, la possibilità di realizzare il processo a taglie superiori. Verrà anche progettato un impianto commerciale di taglia compresa tra 35 e 70 MWe da realizzare presso una centrale Enel a carbone. La durata di questa fase sarà di 1 anno. In una seconda fase, se i dati sull'abbattimento delle emissioni ottenuti e i risultati degli studi di fattibilità tecnico-economica saranno quelli attesi, si passerà alla costruzione dell'impianto commerciale, che costituirà la prima centrale italiana a emissioni quasi zero. I tempi necessari per realizzare e mettere in servizio l'impianto saranno di circa 3 anni.
COMMENTA LA NOTIZIA