1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Endesa-E.On, Commissione Ue bacchetta Madrid

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E.On è più vicino a Endesa, il primo operatore elettrico spagnolo. Un piccolo ma significativo passo è stato fatto venerdì con la Commissione europea che ha censurato il governo iberico per gli ostacoli che sta frapponendo al matrimonio spano-tedesco nel settore dell’energia. Dopo un primo esame del dossier, l’Antitrust Ue ha concluso che gran parte delle condizioni imposte dalla Commissione nazionale dell’Energia (Cne) alla proposta acquisizione sono incompatibili con la legislazione comunitaria. Doccia fredda per Madrid anche alla luce del fatto che, se questa valutazione iniziale fosse confermata, Bruxelles potrebbe dichiarare formalmente che la Spagna ha violato il regolamento comunitario sulle fusioni. La Spagna non avrebbe quindi alcun diritto a subordinare l’approvazione della fusione alla cessione del 32% degli asset di Endesa, tra cui le centrali nucleari e a carbone. Ora queste misure hanno incontrato lo stop della Commissaria Ue alla Concorrenza, Neelie Kroes, la quale lo scorso 25 aprile ha approvato l’Opa di E.On, ritenendo che l’operazione non comporterà alcun impatto negativo sulla concorrenza per i mercati energetici europei. “Gran parte delle condizioni imposte alla E.On dalla Cne nella decisione adottata il 27 luglio scorso e relativa all’offerta di E.On per Endesa sollevano seri dubbi sulla loro compatibilità con la legislazione comunitaria”, ha dichiarato la Commissione in un comunicato.