1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Endesa: E.On alza il tiro, offerti 35 euro per azione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si infiamma la battaglia per il controllo di Endesa tra soci spagnoli (Acciona e cassa di Madrid) da una parte e la tedesca E.On dall’altra. Prima Acciona ha fatto il suo ingresso nel capitale di Endesa acquistando il 10% della società energetica, ma le intenzioni sono quelle di arrivare fino al 24,9% del capitale. L’operazione, ha precisato Acciona, non vuole essere speculativa né “ostile a nessuno”, ma la stampa nazionale non ha esitato ad interpretare l’acquisizione come un “contrattacco alla spagnola” ancora una volta rivolto contro E.On. Poi ieri sera a sorpresa il gruppo tedesco ha deciso di migliorare l’offerta sull’azienda spagnola, portandola a 35 euro per azione, 3 euro sopra i valori attuali di Endesa. Ma non è tutto. Sempre ieri è scesa in campo l’Unione europea che ha intimato il governo spagnolo di ammorbidire le misure protezionistiche nei confronti di Endesa. Secondo Bruxelles, la reazione di Madrid all’opa presentata dalla tedesca E.on è contraria alle regole comunitarie, prima di tutto per il conferimento alla Commissione nazionale per l’energia di poteri ad hoc volti proprio a valutare il caso E.On, e in secondo luogo per le condizioni particolarmente restrittive imposte dalla stessa Cne ad E.on per portare avanti la sua offerta. Infine è scoppiata anche un’altra “bomba”: la notizia dell’imminente fusione tra Iberdrola e Uninion Fenosa che andrebbe a creare un gruppo da 40 miliardi di euro insediandosi al quinto posto nella classifica mondiale del settore.