1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Emergenti: debolezza riconducibile principalmente a rafforzamento del dollaro Usa (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La recente debolezza delle economie emergenti è riconducibile in gran parte al rafforzamento del dollaro più che a questioni inerenti ai mercati emergenti. Lo rimarca Michael Biggs, Investment Manager di GAM nella sua view su mercati e valute emergenti. “Le valute dei mercati emergenti si sono rafforzate rispetto alle valute dei mercati maturi (euro, yen, sterlina e franco svizzero inclusi) – rimarca l’esperto di GAM – . Nel medio termine, le prospettive di crescita a livello globale rimarranno il driver principale di performance dell’asset class. Siamo ottimisti sulla crescita degli Stati Uniti e riteniamo che l’economia dell’eurozona sia più forte di quanto pensi il mercato. Entrambi questi fattori potrebbero avere un impatto positivo sui mercati emergenti”. Secondo Biggs la crescita negli Stati Uniti e in Europa dovrebbe rafforzare la domanda proveniente da queste aree, che si tradurrà in un maggiore export dai mercati emergenti, con un impatto positivo sulle valute di questi Paesi.