Elezioni Usa: l’Economist sta con Obama

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Alle elezioni Usa, l’Economist si schiera con Obama. Ma solo per un soffio. Secondo l’ultimo editoriale, intitolato “Which one?”, se quattro anni fa il sostegno dell’autorevole settimanale britannico era stato molto più deciso, questa volta il giornale si autodefinisce “molto meno speranzoso”, così come i milioni di votanti Usa, ed esprime l’idea che “i democratici meritano (solo) di stretta misura di essere rieletti”.

“Dopo una campagna elettorale tristemente negativa, il Paese più potente del mondo deve ora prendere una decisione molto più difficile rispetto a quella di quattro anni fa”, affermano le prime righe dell’editoriale. La domanda è: quanto è stato valido Obama come presidente, soprattutto in tema di economia e politica estera? E, d’altro canto, ci si può fidare del fatto che il sempre mutevole Romney sia in grado di fare un lavoro migliore?
Ad alimentare la difficoltà della decisione, la campagna elettorale di Obama che, a parere dell’Economist, ha raggiunto i minimi con gli attacchi a Romney. Del resto il presidente uscente ha dalla sua solo il fatto che, senza di lui, la situazione dell’America in questo particolare contesto storico ed economico sarebbe stata senza dubbio peggiore. Il salvataggio di Chrysler e General Motors, la politica aggressiva di stimolo, gli stress test alle banche e l’imposto aumento del loro capitale hanno aiutato ad evitare una nuova grande depressione, nota l’Economist. “Sarà difficile da far capire con una crescita così bassa e una disoccupazione così alta, ma certo la Storia riconoscerà qualche merito ad Obama. E così anche noi”, afferma l’editoriale britannico.
D’altra parte, se le proposte di Romney in materia di politica interna potrebbero essere più concrete di quelle di Obama, il suo estremismo è il suo più grave handicap, che potrebbe condurre ad esiti imprevedibili. “I piani economici di Romney funzionano solo se non si crede alla metà di ciò che dice, il che non è un bel biglietto da visita per qualunque Ceo”. 
Ecco perché, a parere dell’Economist, tra i due mali è meglio scegliere quello già conosciuto e ri-appoggiare il presidente uscente Barack Obama.
Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…