Effetto Buffett già esaurito, le Borse ripiegano in apertura - PRIMA NOTA

Inviato da Redazione il Mer, 13/02/2008 - 09:37

E' già finito l'effetto Buffett sulle Borse. In apertura le piazze finanziarie europee si mostrano infatti in calo, con ribassi che superano anche il punto percentuale per Londra, Francoforte e Parigi. Le cose vanno appena un po' meglio a Milano, dove il Mibtel cede lo 0,84% a 25523 punti e lo S&P/Mib lo 0,83% a 33499 punti.

 
Sembra quindi essersi esaurito il carburante che aveva portato ieri i listini continentali a mettere a segno rialzi superiori ai 3 punti percentuali: l'effetto dell'offerta di riassicurazione di titoli municipali per 800 miliardi di dollari fatta dal miliardario Warren Buffett agli assicuratori di bond. Già a Wall Street l'iniziale entusiasmo si era andato riducendo nel corso della seduta, tanto che, nonostante il +1,09% del Dow Jones, il Nasdaq ha chiuso invariato e lo S&P500 in rialzo limitato allo 0,7%.
 
Sul listino milanese sono particolarmente pesanti Seat Pagine Gialle, Tenaris e Fiat, indebolita da un giudizio negativo espresso oggi dagli analisti del Credit Suisse, che hanno avviato la loro copertura sul titolo con rating underperform e prezzo obiettivo a 12 euro. Il titolo del Lingotto segna attualmente un calo dell'1% a 14,32 euro.
 

In Europa si comporta invece molto bene un altro titolo automobilistico, Peugeot, in rialzo di quasi il 4%, dopo che il gruppo ha rivelato utili 2007 quasi quadruplicati rispetto all'esercizio precedente. Lo Stoxx auto è così l'unico indice settoriale europeo in moderato rialzo, mentre i comparti in maggiore ribasso sono assicurativi, industriali e risorse di base.

COMMENTA LA NOTIZIA