Edison tenta la via di fuga sull'S&P, spinta dalla speculazione

Inviato da Redazione il Mer, 17/11/2004 - 09:35
Quotazione: EDISON
Edison tenta la via di fuga sull'S&P. Il titolo della seconda società energetica segna un rialzo dello 0,76%, scambiando a quota 1,64 euro. In movimento i volumi: nella prima mezz'ora di contrattazioni sono, infatti, già transitati 2 milioni di pezzi contro una media giornaliera delle ultime trenta sedute giornaliere pari a 10 milioni di pezzi. A dare tono a Edison la speculazione. L'avventura alla ricerca di una soluzione per il gruppo guidato da Umberto Quadrino è arrivata quasi al capolinea. Domani il rapporto della commissione Roulet con in dote la soluzione dovrebbe arrivare alla presenza del Ministro dell'Economia francese. Le indicazioni di massima danno per attendibile una Edf con una presenza maggioritaria in Edison e con un bisogno di mezzi propri pari a 8-11 miliardi di euro. Con l'incognita da non sottovalutare del possibile obbligo di un'Opa su Foro Bonaparte. Nero su bianco, su una bozza di documento della commissione governativa francese che ha chiuso i lavori ieri, si conferebbero così le indiscrezioni di massima sul futuro del colosso energetico che in Italia è al 18% in Italenergia e ha vari impegni per rilevare il 100% della holding che possiede il 62% di Edison. Nella bozza del documento si sostiene che i francesi vorrebbero mantenere il 50-51% di Edison. Stando così le cose è difficile che l'ingresso di altri partner una volta usciti gli attuali, Fiat, le banche e Tassara, possa riguardare soggetti industriali forti e per di più concorrenti. La seconda chance di Edf, non ancora preclusa, resta quella di cedere le sue partecipazioni in Italia e in Gran Bretagna, per restare in Francia e Germania.
COMMENTA LA NOTIZIA