1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Draghi spinge l’euro sotto 1,34 dollari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Segno meno per la moneta unica che nel giorno in cui l’Eurotower, come da attese, ha confermato il costo del denaro allo 0,75%, ha toccato un minimo di seduta a 1,3370 dollari, il livello più basso dallo scorso 25 gennaio.

La spinta ribassista è attribuibile alle parole del chairman Draghi che ha evidenziato come l’inflazione, passata dal 2,2% messo a segno a dicembre al 2%, è destinata a scendere sotto tale soglia nel corso dell´anno.

“I prezzi -ha detto Draghi – potrebbero ricevere una spinta ribassista dall’indebolimento dell’attività economica e dalla forza della moneta unica”. La risalita dell’euro è stato uno degli altri punti salienti dell’intervento di Draghi perché il recente apprezzamento della moneta unica è sintomo “del ritorno della fiducia”.

Oggi si è riunito anche il board della Bank of England che ha confermato il tasso di riferimento allo 0,5% e il piano di acquisto asset a 375 miliardi di sterline. Indicazioni più interessanti sono arrivate dall’audizione in parlamento di Mark Carney, che da luglio prenderà il posto di King alla guida della BoE.

Carney ha rilevato che “la fissazione di un target di inflazione flessibile ha dato prova di essere il meccanismo più valido”. Delusi gli operatori, che si attendevano la fissazione di un target di Pil e un allentamento più aggressivo.

Segno più quindi per la sterlina che spinge il cable (gbp/usd) in quota 1,5706 e che arretra di oltre un punto percentuale nel cross con la moneta unica a 0,8530.

Commenti dei Lettori
News Correlate
CALCIO

Juventus: acquisizione definitiva del calciatore Juan Cuadrado

La Juventus, che ieri si è laureata Campione d’Italia per il sesto anno consecutivo, ha emesso una nota per annunciare che “a seguito del verificarsi delle prestabilite condizioni contrattuali”, è scattato l’obbligo di acquisto a titolo definitivo da…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COLLOCAMENTO AZIONI

Emak: Yama avvia un collocamento sul 10% del capitale

Yama Spa, azionista di maggioranza di Emak con il 75,185% del capitale, ha avviato la cessione di massime 16,4 milioni di azioni, corrispondenti a circa il 10% del totale. Il collocamento verrà realizzato attraverso una procedura di accelerated book …

MERCATI

Mercati europei contrastati. Tonfo per la belga UCB

Avvio di settimana contrastato per le borse europee: a Londra il Ftse100 ha terminato a 7.496,34 punti, +0,34%, il Dax si è fermato a 12.619,46, -0,15%, e il Cac40 a 5.322,88, -0,03%.

Acquisti sull’euro, che ha aggiornato i massimi da novembre a …