1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Draghi spinge l’Euro sopra quota 1,32$

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seconda parte di seduta sugli scudi per l’eurodollaro. Nel giorno della conferma del costo del denaro allo 0,75% da parte della Bce, una decisione correttamente pronosticata dagli analisti, gli acquisti sono stati innescati dalla parole pronunciate da Draghi nella consueta conferenza stampa che fa da corollario alle riunioni del board dell’Eurotower.

Il chairman ha rimarcato che la conferma dei tassi è avvenuta all’unanimità alla luce “del significativo miglioramento dei mercati finanziari negli ultimi mesi”. “L’economia – ha proseguito Draghi – sarà ancora debole nel corso del 2013, con una ripresa graduale a partire dalla seconda parte dell’anno”.

Le parole di Draghi hanno fatto guadagnare una figura al cambio con il biglietto verde che attualmente scambia a 1,3215 usd. “Il balzo ha decisamente migliorato il quadro tecnico dell’eur/usd che potrebbe allungare verso 1,3235, ostacolo da superare per ritornare sui picchi annuali a 1,3299”, ha commentato Filippo A. Diodovich, market strategist di IG.

“Riteniamo -ha proseguito l’analista- che le dichiarazioni di Mario Draghi potrebbero dare sostegno alla moneta unica anche nei prossimi giorni, creando i presupposti per un ritorno in area 1,33, importante resistenza non solamente in ottica di breve periodo”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, martedì prossimo in asta titoli fino a 3,5 miliardi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze nell’asta in calendario il prossimo 27 giugno collocherà CTZ e BtpEi per 3-3,5 miliardi di euro. Nel dettaglio, saranno messi sul mercato CTZ 24 mesi per 2-2,5 miliardi e BtpEi per 0,5-1 miliardo di euro.

RATING

Creval: Fitch taglia rating, outlook è negativo

Fitch Ratings ha ridotto il rating a lungo termine del Credito Valtellinese a “BB-“ da “BB” e il Viability Rating a “bb-“ da ”bb”, già posti sotto osservazione con implicazioni negative lo scorso 24 marzo. L’outlook è negativo.

MERCATI

Borse europee piatte, bancari ed energetici sotto tono

Banche ed energetici penalizzano la seduta dei listini europei. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.439,29 punti, -0,11%, mentre a Madrid l’Ibex si è fermato a 10.709,90, -0,29%. Incremento dello 0,15% invece per Francoforte e Parigi, salite rispet…