1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Draghi richiama i politici europei alla decisione e annuncia: la Bce continuerà a sostenere le banche solventi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“I leader politici europei devono chiarire la loro visione dell’Euro in fretta. La Bce non può riempire il vuoto politico”. Il richiamo neanche troppo velato alla decisione nei confronti della classe politica europea arriva da Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, che oggi ha partecipato a una sessione di domande e risposte presso la Commissione monetaria del Parlamento europeo.

Draghi si è espresso anche su alcune delle ipotesi di riforma sollevato ieri dalla Commissione europea (unione bancaria, vigilanza unitaria e schema europeo di garanzia dei depositi), lasciando trasparire una sostanziale concordanza di vedute con l’istituzione guidata da Josè Manuel Barroso.

Secondo il numero uno dell’Eurotower, un’unione bancaria europea necessiterebbe di una supervisione centrale e di uno schema di garanzia comune dei depositi. Ieri Barroso ha detto che i leader europei discuteranno una più stretta unione economica in un vertice a fine giugno.

Draghi ha sottolineato che la crisi finanziaria ha aumentato l’avversione al rischio in maniera drammatica e che le recenti turbolenze segnalano l’incertezza dell’outlook finanziario.

Rispondendo a una domanda sul rischio di potenziali corse allo sportello, Draghi ha chiarito che la Bce continuerà a sostenere con linee di liquidità le banche solventi. E anche sul tema delle banche l’ex governatore di Bankitalia ha voluto lanciare un messaggio alla politica: “I casi Bankia e Dexia indicano che spesso i problemi vengono sottovalutati”ha detto, aggiungendo che “nella ricapitalizzazione delle banche è meglio errare per eccesso”.-