1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Draghi, luce sulle partecipazioni bancarie in aziende in crisi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il governatore di Bankitalia Mario Draghi vuole fare luce sulle partecipazioni degli istituti bancari in aziende in crisi. In una breve circolare relativa alle partecipazioni per recupero crediti e in imprese in temporanea difficoltà finanziaria si legge: “Gli intermediari provvederanno a trasmettere ogni informativa sulle operazioni in essere al 31 marzo”. Draghi vuole insomma tiare una riga sul passato e verificare come è fino a che punto il sistema bancario è esposto alla crisi che attanaglia alcuni settori industriali del Paese. Un’iniziativa sicuramente poco gradita per chi ha saputo abilmente nascondere crediti vantati su aziende in panne o inesigibili accumulati nel tempo.

Commenti dei Lettori
News Correlate
CALCIO

Juventus: acquisizione definitiva del calciatore Juan Cuadrado

La Juventus, che ieri si è laureata Campione d’Italia per il sesto anno consecutivo, ha emesso una nota per annunciare che “a seguito del verificarsi delle prestabilite condizioni contrattuali”, è scattato l’obbligo di acquisto a titolo definitivo da…

COLLOCAMENTO AZIONI

Emak: Yama avvia un collocamento sul 10% del capitale

Yama Spa, azionista di maggioranza di Emak con il 75,185% del capitale, ha avviato la cessione di massime 16,4 milioni di azioni, corrispondenti a circa il 10% del totale. Il collocamento verrà realizzato attraverso una procedura di accelerated book …

AIM

Safe Bag: titolo in asta di volatilità dopo massimo storico

Asta di volatilità per il titolo Safe Bag che, in rialzo del 15,77% a 3,46 euro, oggi ha fatto segnare un nuovo massimo storico a 3,466 euro.

La società, quotata sul listino AIM Italia, ha annunciato di aver vinto la gara presso l’aeroporto inte…

Euribor: tre mesi fissato a -0,329%

Il tasso Euribor a tre mesi è stato fissato questa mattina a -0,329%, in rialzo rispetto al fixing di venerdì 19 maggio che era pari a -0,331 per cento. …

Spread Btp-Bund a 173 punti base, rendimento al 2,12%

Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco si attesta a 173 punti base. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari al 2,12%, mentre il tasso del Bund con pari scadenza viaggia in area 0,39 per cento.