1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Domanda prestiti in crescita del 5,9% nel 2015, ripresa trainata da prestiti finalizzati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Dopo sei anni di cali, nel 2015 è tornata a crescere la domanda di prestiti facendo registrare un +5,9% rispetto al 2014. A livello mensile però, dopo 14 rilevazioni mensili ininterrottamente caratterizzate da una crescita, nel mese di dicembre il numero delle richieste di prestiti presentate dalle famiglie italiane ha fatto registrare un’inaspettata contrazione, pari a -4,1% rispetto allo stesso mese del 2014. E’ quanto emerge dall’ultimo Barometro CRIF della domanda di prestiti da parte delle famiglie italiane. 
La performance degli ultimi 12 mesi riflette i segnali di una ripresa economica con i volumi complessivi della domanda tornati sui livelli del 2012. Rimane ancora elevato il gap rispetto agli anni pre-crisi (-8,7% rispetto al 2010, -11,4% rispetto al 2009). 

Balzo dei prestiti finalizzati, mentre continua discesa di quelli personalizzati 
Nel dettaglio dell’aggregato relativo ai 12 mesi del 2015, il numero delle richieste di prestiti finalizzati ha fatto registrare una crescita sostenuta pari a +12,1%, mentre per i prestiti personali la domanda si conferma nuovamente negativa, con un -1,5% rispetto all’anno precedente.

In aumento l’importo medio richiesto 
L’importo medio dei prestiti richiesti che, nel mese di dicembre 2015, nell’aggregato di prestiti personali più finalizzati, si è attestato a 7.007 euro. Relativamente all’intero anno 2015, invece, l’importo medio si è attestato a 7.767 euro, in crescita del +4,7% rispetto al 2014, ma ancora ben distante dall’importo medio registrato nel 2008 (-16,2%) quando la crisi non aveva ancora fatto sentire i suoi effetti. Per i prestiti finalizzati nell’anno 2015 l’importo medio richiesto è risultato pari a 4.946 Euro contro i 4.636 Euro del 2014 (ma -25,1% rispetto al 2008). Relativamente ai prestiti personali, invece, si è assestato a 11.624 Euro contro i 10.749 Euro del 2014 (anche in questo caso -7,0% rispetto al 2008).