Il dollaroyen verso quota 100

Inviato da Luca Fiore il Gio, 24/01/2013 - 19:43
Nuova seduta all'insegna delle vendite sulla moneta nipponica. Le dichiarazioni del premier Shinzo Abe prima e quelle del vice Ministro dell'economia poi, spingono al ribasso la divisa del Sol levante che nel corso della seduta si è riportata a livelli che non si vedevano dal maggio 2011 e dal giugno 2010 contro euro e dollaro.

"Continua la debolezza dello yen giapponese sia contro dollaro americano, sia contro euro, a causa dei continui rumor che vedono potenziali iniezioni di liquidità da parte della BoJ e soprattutto a causa delle aspettative che cominciano a vedere tassi in diminuzione, quindi verso lo zero assoluto", ha commentato Matteo Paganini, analista valutario di Fxcm Italia.

Il neo-premier nipponico, Shinzo Abe, oggi ha rimarcato l'aspettativa di un'azione decisa della Bank of Japan. "Mi aspetto che la BOJ adotti coraggiose misure di allentamento monetario - ha detto Abe - in modo che si raggiunga il target di inflazione il prima possibile".

In scia le dichiarazioni di Yasutoshi Nishimura, vice Ministro dell'economia. Nishimura nel rimarcare che gli attuali livelli "possono essere letti come una fase di correzione dopo il super-yen", ha dichiarato che quota 110 o 120 contro dollaro potrebbe comportare un incremento dei costi delle importazioni. Le parole di Nishimura sono state interpretate come un implicito via libera a una svalutazione dello yen in quota 100 nel cambio con il biglietto verde.

Martedì la Banca centrale nipponica ha alzato il target di inflazione al 2% dall'1% precedente annunciando un piano "Open-Ended" di acquisto di asset per 13 mila miliardi di yen su base mensile a partire dal gennaio 2014.
COMMENTA LA NOTIZIA