1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dollaroyen torna a salire, Ubs alza la view a 1-3 mesi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Primo rialzo in quattro sedute per il dollaroyen. Segno più per il ninja, come viene soprannominato lo usd/jpy, che grazie all’incremento sopra le stime del deficit giapponese delle partite correnti oggi si è riportato a 104 yen. A novembre la bilancia delle partite correnti nipponica ha evidenziato un rosso di 592,8 miliardi di yen, decisamente al di sopra dei 369 miliardi stimati dagli analisti e dato maggiore dal 1985.

Il surplus delle partite correnti rappresenta una delle ragioni per cui la divisa nipponica tende a rafforzarsi in caso di tempeste sui mercati dato che evidenzia la scarsa dipendenza del Paese dai capitali esteri.

Oggi gli analisti di Ubs hanno annunciato di aver alzato la view sul cross visto che, se da un lato “è probabile che i funzionari della Federal Reserve non diano troppa attenzione alla crescita sotto le stime registrata dalle payrolls a dicembre”, dall’altro “è in corso un processo di diversificazione nell’obbligazionario”. L’istituto elvetico ha portato la stima stima a un mese da 103 a 105 mentre il dato a 3 mesi sale da 105 a 108.

Anche a novembre gli acquisti di bond denominati in dollari da parte dei money manager nipponici sono risultati superiori alle vendite attestandosi a 1,48 mila miliardi di yen. Gli acquisti netti si confermano così in territorio positivo per il quinto mese consecutivo, la serie maggiore dall’ottobre del 2010.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.