1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dollaro/Real sopra quota 2,1 per la prima volta dal 2009

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Massimi da tre anni e mezzo per il cambio tra il dollaro Usa e il real brasiliano. Oggi il cross usd/brl si è riportato sopra quota 2,1, toccando un massimo a 2,105, per la prima volta dal maggio 2009. Il cross tra le due valute negli ultimi tre mesi è salito del 3,5% mentre il saldo da inizio anno segna un +12,5%.

La causa dell’indebolimento del real è attribuibile alla volontà dell’esecutivo di evitare che la enorme mole di liquidità messa sul mercato dalle banche centrali possa portare, come già successo in passato, a un apprezzamento della valuta verdeoro. Il pericolo per l’economia brasiliana si chiama carry trade, ossia il processo che prevede di indebitarsi a costi irrisori nei Paesi sviluppati e il successivo investimento in attività ad alto rendimento negli emergenti: un flusso che provoca un apprezzamento delle valute locali indebolendo la competitività dell’export.

Il Ministro delle Finanze brasiliano, Guido Mantega, a settembre non ha usato giri di parole dicendosi pronto ad adottare “tutte le misure necessarie per evitare che la nostra economia perda di competitività”.

Di diverso avviso invece la Banca centrale guidata da Alexandre Tombini che punta a evitare un “eccessivo e troppo rapido” deprezzamento del real. Ed è proprio a un’operazione del Banco do Brasil, intervenuto oggi con uno swap da 3,14 miliardi di dollari, che è attribuibile il ritorno del cross sotto quota 2,1. Attualmente per acquistare un dollaro Usa sono necessari 2,0922 real.