Il dollaro bagna il naso allo yen: il carry trade adesso è meglio farlo in biglietti verdi

Inviato da Redazione il Ven, 28/08/2009 - 08:27
Dimentichiamoci gli yen, il carry trade adesso è meglio farlo coi dollari. Da lunedì scorso indebitarsi in valuta statunitense costa meno che in quella giapponese. E ieri il Libor a tre mesi sul dollaro è sceso ai minimi storici, allo 0,36%, mentre lo spread con il Libor sullo yen, a -33 punti base, è il più ampio dal 1993. a questo punto gli investitori potrebbero essere tentati di accendere prestiti in dollari e convertirne l'importo in valute di Paesi che offrono rendimenti più alti, magari in euro, dove i tassi d'interesse sono all'1%, mentre negli Stati Uniti sono virtualmente a zero. Se così fosse, la moneta unica sarebbe destinata a rafforzarsi mentre al dollaro, che è già debole, verrebbe sbarrata ogni possibilità di apprezzarsi.
COMMENTA LA NOTIZIA