Dollaro avanza dopo elezioni di metà mandato, Kuroda avalla discesa dello yen

Inviato da Titta Ferraro il Mer, 05/11/2014 - 10:44



L'esito delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti offre nuovo slancio al rally del biglietto verde. Il Dollar Index si è portato sui nuovi massimi a 4 anni e mezzo in area 87,5, mentre il cross tra dollaro e yen viaggia sui massimi a 7 anni a quota 114,5.

Dalle urne di metà mandato è emerso che i repubblicani hanno mantenuto la maggioranza della Camera, rafforzandola con 240 seggi contro i 226 della precedente legislatura, e hanno strappato il controllo del Senato ai Democratici, passando da 45 a 52 seggi. Era dal 2006 che il Senato non era a maggioranza repubblicana. 


Intanto prosegue la corsa al ribasso dello yen. Questa mattina il nuovo strappo ribassista dello yen sul forex è stato dettato dalle parole del governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, che non vede alcun limite alle possibili iniziative che la banca centrale potrebbe adottare per sconfiggere la deflazione. Kuroda ha rimarcato che i vantaggi di uno yen debole superano gli svantaggi. "Continueremo a monitorare il mercato FX, il piano di acquisto di asset della BoJ non mira a influenzare il mercato valutario", ha aggiunto Kuroda. Il 31 ottobre la BoJ ha annunciato l'intenzione di espandere la base monetaria al ritmo di 80 trilioni di yen l'anno rispetto al range tra 60 e 70 trilioni di yen precedente. 


"La rapida vendita dello yen fa presagire una correzione nel breve periodo - commentano oggi gli analisti di Swissquote - . Osserviamo la resistenza dell'USD/JPY a 115,00 con il Relative Strength Index (RSI), o indice di forza relativa a 30 giorni che si attesta al 78% e la fascia di Bollinger superiore a 30 giorni (113,04) rimasta indietro a fronte dell'aggressiva vendita post dato BoJ della scorsa settimana". 

COMMENTA LA NOTIZIA