Doccia gelata dalla produzione industriale, tonfo dell'1% m/m a luglio (-1,8% a/a)

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 12/09/2014 - 10:25
Nuova brusca frenata della produzione industriale italiana. A luglio l'indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dell'1% rispetto al mese precedente vanificando il rimbalzo dello 0,9% che si era materializzato a giugno. La lettura diffusa oggi dall'Istat risulta decisamente peggiore delle attese degli analisti con consensus Bloomberg che stimava una contrazione mensile dello 0,2%.
I dati Istat rimarcano che nella media del trimestre maggio-luglio la produzione è diminuita dello 0,8% rispetto al trimestre precedente. Corretto per gli effetti di calendario, a luglio 2014 l'indice è diminuito in termini tendenziali dell'1,8% (i giorni lavorativi sono stati 23 come a luglio 2013). Nella media dei primi sette mesi dell'anno la produzione è rimasta invariata rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

In calo la produzione in tutti i principali comparti
A luglio l'indice destagionalizzato presenta variazioni congiunturali negative in tutti i principali comparti. Diminuiscono i beni di consumo (-2,4%), i beni strumentali (-2,1%) e, in misura più lieve, l'energia (-0,8%) e i beni intermedi (-0,6%).
Per quanto riguarda i settori di attività economica, a luglio 2014, i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica ed ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+4,8%), della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+3,0%) e della fabbricazione dei mezzi di trasporto (+2,9%). Le diminuzioni maggiori si registrano nei settori della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-13,9%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-10,1%) e dell'attività estrattiva (-7,8%).
COMMENTA LA NOTIZIA