Disoccupazione Usa torna a salire, a novembre creati solo 39 mila posti di lavoro

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 03/12/2010 - 15:05
Doccia fredda dal mercato del lavoro statunitense. Dopo gli ottimi riscontri di ottobre, a novembre il tasso di disoccupazione statunitense è tornato a salire e i posti di lavoro creati sono stati decisamente inferiori a quanto prospettato dal mercato.

Il tasso di disoccupazione è salito a sorpresa a quota 9,8 per cento dal 9,6 del mese precedente. Il tasso si è riportato ai massimi dallo scorso aprile e avvicinando nuovamente il 10,1% toccato nell'ottobre 2009 (massimi dal 1983).

Nel dettaglio a novembre sono stati creati solo 39 mila posti di lavoro nel settore non agricolo. Lo ha reso noto il Bureau of Labor Statistics del Dipartimento del Lavoro statunitense. Il consensus era di un progresso di 150 mila unità. A ottobre erano stati creati 172 mila posti di lavoro (dato rivisto al rialzo da 151 mila annunciati un mese fa). Considerando il solo settore privato, a novembre sono stati creati 50 mila posti di lavoro Il consensus era di un progresso di 160 mila unità. Bruciati posti di lavoro nel comparto manifatturiero (-13 mila unità) e in quello delle costruzioni (-5mila).
I primi commenti a caldo dei dati sono tutti improntati al pessimismo. "Non scorgiamo niente di buona da mettere in evidenza", è il primo commento flash da JP Morgan che rimarca come la debolezza sia abbastanza di ampio respiro (manifatturiero e servizi finanziari).

Inevitabile la reazione del mercato alle deboli indicazioni arrivate dal mercato del lavoro statunitense. In particolare sul mercato dei cambi il dollaro ha ceduto fortemente terreno rispetto alle altre principali valute. Il cross euro/dollaro si è riportato sopra quota 1,33 dollari, mentre il dollaro/yen è sceso a 82,55 yen, sui minimi dal 23 novembre. L'aumento dell'avversione al rischio sta spingendo verso l'alto l'oro (+0,77% a 1.396 dollari l'oncia). Infine l'azionario ha lasciato spazio alle vendite con Piazza Affari sui minimi di giornata (-0,36% a 19.982 punti per il Ftse Mib).

 

COMMENTA LA NOTIZIA