1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Discussioni al volante: Gran Bretagna batte Italia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Italia e Gran Bretagna a confronto: il detto “tra moglie e marito non mettere… il dito” non poteva essere più azzeccato per definire i risultati dei sondaggi raccolti dal Centro Studi e Documentazione di Direct Line, la compagnia di assicurazioni telefonica e internet del gruppo Royal Bank of Scotland, che si occupa di studiare gli atteggiamenti degli italiani al volante.
Dalla ricerca affidata in Italia all’istituto Nextplora, realizzata su un campione di oltre 1.200 individui, risulta che negli ultimi dodici mesi il 32% degli intervistati ha avuto discussioni mentre era alla guida della propria auto, percentuale che sale al 38% se si considerano solo i guidatori maschi.
Il sondaggio rileva che i giovani fino ai 24 anni sono particolarmente litigiosi (46%) rispetto, ad esempio, agli adulti tra i 35 e 44 anni (27%) e che, mentre gli uomini si sfogano soprattutto con amici e conoscenti (41%), le donne litigano per lo più con il marito (41%).

Su cosa si discute mentre si è alla guida? Sia in Italia sia in Gran Bretagna (dove la ricerca è stata condotta da YouGov) le donne criticano lo stile di guida del compagno, con percentuali rispettivamente del 37% (Italia) e del 44% (Gran Bretagna). Se per gli uomini italiani le problematiche personali sono l’argomento dominante nelle discussioni (73%), le questioni di lavoro occupano il secondo posto (27%). Dall’indagine emerge, peraltro, come litigare per cause di lavoro sia particolarmente frequente al sud e nelle isole (26%) e nella fascia di età che va dai 25 ai 34 anni (26%).

Il problema è che discutere mentre si guida può essere molto pericoloso. Quasi il 40% degli automobilisti italiani è convinto che una larga parte dei loro conoscenti si sia distratta in modo grave a causa di litigi mentre era al volante. In Gran Bretagna, dove il 12% degli incidenti nelle strade inglesi è provocato dall’eccesso di velocità, un guidatore su otto dichiara di andare più forte per la tensione di una lite.

La ricerca condotta da Nextplora evidenzia anche altri dettagli. Analizzando le diverse zone d’Italia, emerge che i romani sembrano ben più pronti al litigio dei milanesi: nell’ultimo anno il 38% dei guidatori della capitale ha dichiarato di aver avuto discussioni mentre stava guidando, contro il 22% registrato nel capoluogo lombardo dove, nonostante il traffico intenso, pare che gli automobilisti vivano i loro trasferimenti in macchina con una certa tranquillità.