1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Di nuovo spia rossa sulla Periferia d’Europa, per esperti diversi i motivi di apprensione -1

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ di nuovo il momento di accendere la spia rossa sulla Periferia d’Europa. Le dimissioni del governo di Lisbona – dopo la bocciatura parlamentare del pacchetto di misure addizionali di austerità – che potrebbero
spingere in tempi rapidi il paese verso la richiesta di aiuti finanziari all’Ue e al Fmi gettano nuove ombre sulla tenuta dell’Eurozona. “La crisi del Portogallo in realtà era attesa. Sono altri e svariati i motivi che creano apprensione agli investitori questa mattina”, segnala Chiara Cremonesi, fixed income strategist di Unicredit, a Finanza.com. “C’è delusione perché è stato rimandato a giugno l’atteso via libera definitivo dell’Europa al potenziamento dell’Efsf, il fondo temporaneo di salvataggio, e la ratifica del trattato sul meccanismo permanente, l’Esm con la richiesta della cancelliera tedesca Angela Merkel a rinegoziare le facilities”, snocciola l’esperta. La Germania per fare la sua parte dovrà “investire” 22 miliardi di euro in tre anni, adesso ha chiesto un’estensione a cinque anni. Berlino ha lanciato un messaggio, che la dice lunga sulla volontà di risolvere in tempi rapidi la crisi che rischia di colpire al cuore Eurolandia.