Denaro su Enel spinta da Conti e Morgan Stanley

Inviato da Redazione il Gio, 25/08/2005 - 10:05
Quotazione: ENEL
All'interno di un S&P/Mib dove predominano i segni meno, si distingue in positivo il titolo Enel che sale dello 0,40% a quota 7,08 euro dopo il +1,64% della vigilia che le aveva permesso di riportarsi sopra la soglia dei 7 euro. Enel, rimasta un po' indietro nella prima metà del 2005, sta sfruttando l'effetto delle dichiarazioni del suo amministratore delegato, Fulvio Conti, che ieri il meeting di Rimini ha promesso un 2005 brillante in linea con le crescite messe a segno nell'ultimo triennio. Inoltre, l'autunno si avvicina e aumenta l'attrattiva del dividendo straordinario da 17-20 centesimi, frutto della vendita del 30% di Terna alla Cassa depositi e prestiti. Infine Conti ha promesso da qui al 2009 investimenti per 13 miliardi di euro in gran parte volti a rinnovare le centrali elettriche riequilibrandole verso i combustibili più redditizi. L'effetto finale sulle nostre bollette dovrebbe essere un abbattimento del 20%. Da ricordare che nei giorni scorsi Enel ha presentato un'offerta per 3 centrali polacche che saranno privatizzate. Infine stamane gli analisti di Morgan Stanley hanno confermato la raccomandazione overweight con prezzo obiettivo posto a quota 8,5 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA