1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Delisting a Piazza Affari: altri possibili candidati secondo Equita Sim

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In un’analisi, contenuta nel report quotidiano di Equita sim, gli esperti hanno individuato, dopo la decisione presa da Benetton, altri società possibili candidate al delisting a Piazza Affari. L’analisi prende in considerazione l’instabilità dell’azionariato o la sottovalutazione di mercato. La rosa di possibili candidati è composta da Sorin, Nice, D’Amico, Saras, Safilo e Mol.
Per Sorin gli esperti della Sim milanese sottolineano che il patto che controlla il 38% della società scade entro fine anno ed è rappresentato da investitori finanziari. Il titolo ha un rapporto p/e 10,5.
Per Nice gli analisti evidenziano che il fondatore Lauro Buoro controlla il 70% del capitale e la società detiene un altro 4,6% di azioni proprie (titolo a p/e 2012 pari a 12)
Secondo Equita d’Amico è controllata per il 65,3% del capitale dell’omonima famiglia mentre la società detiene un altro 3,4% di azioni proprie. Gli analisti evidenziano inoltre che il titolo quota a oltre il 50% di sconto sul Nav, valore di mercato della flotta al netto del debito.
Per Saras gli analisti sottolinenano che la famiglia Moratti controlla il 65% del capitale e ha incassato 1,7 miliardi di euro con l’Ipo a Piazza Affari. Ha quindi le risorse per il delisting (330 milioni ai prezzi di mercato) vista la performance molto negativa del titolo. In passato sono anche circolate ipotesi di cessione a operatori internazionali.
Il caso di Safilo è interessate per gli analisti di Equita visto che il fondo Hal ha preso il controllo della società pagando oltre 6 euro (ma con la licenza Armani ancora in portafoglio) e ha recentemente mostrato il proprio commitment a salire nel controllo rendendosi disponibile a sottoscrivere un aumento di capitale riservato da 44 milioni (9 euro per azione) per finanziare l`acquisizione di Polaroid.
Infine per Mutui On Line Equita evidenzia che il management detiene il 30% del capitale e la valutazione della società è a sconto rispetto ai fondamentali con un dividend yield del 7%.