Deficit: la Ue apre il dossier su Francia e Spagna; per ora niente procedura sull'Italia

Inviato da Redazione il Gio, 19/02/2009 - 08:05
Nonostante la crisi economica, la Commissione europea chiede rigore sui conti pubblici. Tanto che sei capitali, tra cui Parigi, Madrid, Atene e Dublino, si sono viste annunciare delle procedure per deficit eccessivo per aver superato il tetto del 3% nel rapporto tra deficit e Pil sia nel 2008 sia nel 2009. Bruxelles ha scelto però di prendere tempo e di non intervenire in quei casi in cui, come per l'Italia e il Portogallo, lo sforamento è previsto solo per il 2009. "Per ora restiamo attenti e chiediamo di essere vigili e prudenti nell'utilizzo del margine di manovra per i Paesi che hanno un debito importante e sono vicini al 3%", ha chiarito Almunia.
COMMENTA LA NOTIZIA