1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Decreto ‘manovrina’ sul deficit al CdM delle 18, nessun aumento delle accise

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ già in circolazione la bozza del decreto legge “manovrina” che arriverà al Consiglio dei Ministri in programma per le 18 a Palazzo Chigi. Il provvedimento, volto alla correzione dei conti pubblici necessaria a riportare il deficit/Pil sotto la soglia del 3%, sarebbe composto da 9 articoli e prevedrebbe 330 milioni per il rifinanziamento della cig in deroga per il 2013 e 35 milioni destinati alla carta acquisti, la cosiddetta social card.

Il decreto conterebbe l’aumento dell’acconto Irpef e Irap per il solo periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2013. Le imposte così passerebbero dal 101% al 103%. Per arginare le problematiche derivanti dal fenomeno dell’immigrazione, tornato prepotentemente d’attualità dopo la tragedia di Lampedusa, sarebbe invece prevista l’istituzione di un fondo la cui dotazione è costituita da 190 milioni di euro per l’anno 2013. 20 milioni sarebbero invece destinati per l’accoglienza di minori non accompagnati.

Non sarebbe invece previsto, secondo fonti del Ministero dell’Economia riportate dalle agenzie, alcun aumento delle accise sui carburanti a copertura del decreto. La smentita è arriva anche dal ministro dei Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini che ha chiesto ai media “di verificare le informazioni prima di far circolare notizie false che alimentano tensioni e preoccupazione tra le gente già in difficoltà”. Così il ministro che ha negato un aumento delle accise o di altri prelievi fiscali. Indiscrezioni di stampa parlavano di un aumento immediato della benzina di 6,5 centesimi al litro, con un incremento di 3,3 centesimi al litro dal 1° gennaio 2014 fino al 31 gennaio 2015. Il gettito atteso sarebbe stato pari a 184,9 milioni di euro per quest’anno e 906,6 milioni per il prossimo

120 milioni dovrebbero invece arrivare al fondo di solidarietà comunale 2013 per assicurare la spettanza ai Comuni del gettito Imu. In particolare il provvedimento dovrebbe stabilire un incremento della dotazione per il 2013 del fondo di solidarietà comunale a favore dei comuni delle Regioni a statuto ordinario.