1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Debolezza sulle piazze europee, upgrade spingono Electrolux e Orange

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora alle prese con il caso-Deutsche Bank, le borse europee terminano la seduta con il segno meno. A Londra il Ftse100 ha segnato un -0,15% a 6.807,67 punti, il francese Cac40 è sceso dello 0,31% a 10.361,48 e l’Ibex ha perso lo 0,27% a 8.688,2. -0,31% a 10.361,48 punti del Dax.

Sul listino tedesco Deutsche Bank ha chiuso in parità dopo aver fatto segnare un nuovo minimo a 10,18 euro. Secondo alcune indiscrezioni raccolte da Bloomberg, che cita un funzionario del Dipartimento di Giustizia Usa, la multa da 14 miliardi di dollari per chiudere le indagini relativi ai titoli tossici legati ai mutui potrebbe essere ridotta se la banca cooperasse con le autorità.

-2,18% per Commerzbank che, secondo quanto riportato dalla testata Handelsblatt, starebbe pianificando un taglio della forza lavoro di 9 mila unità. Acquisti invece su Electrolux (+2,52%), dopo la promozione di Nordea Bank, e Orange (+1,74%), in scia dell’upgrade del Credit Suisse.

In agenda macro i prezzi delle importazioni tedesche (-0,2% m/m) e l’offerta di moneta M3 di Eurolandia (+5,1% a/a). Nel corso della seconda parte sono arrivati gli aggiornamenti statunitensi sui prezzi delle abitazioni (+5% annuo), Pmi servizi (51,9 punti), fiducia dei consumatori (104,1) e indice manifatturiero di Richmond (-8).