1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

La debolezza di Wall Street non fa sbandare Piazza Affari, Ftse Mib +0,6% -2-

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mediaset ha guadagnato l’1,29% a 5,10 euro. Il titolo del Biscione era partito in testa al listino in scia alle indiscrezioni del possibile arrivo di soci russi nel gruppo di Cologno Monzese. Voci che circolano da tempo, ma che hanno preso slancio alla vigilia del viaggio a Mosca di Silvio Berlusconi e della recente fusione tra Vimpelcom e Wind. La Finivest, però, ha subito smentito le indiscrezioni: “è semplicemente una cosa che non esiste”. Contrastato il comparto bancario, con l’attenzione che resta alta su Unicredit (+1,25% a 1,86 euro) in vista del rebus governance: in giornata l’amministratore delegato, Federico Ghizzoni, e il presidente della banca, Dieter Rampl, sono attesi in Bankitalia. In positivo anche Popolare di Milano (+1,06% a 3,56 euro), Banco Popolare (+0,79% a 4,45 euro) e Intesa SanPaolo (+0,41% a 2,437 euro). Sono invece finite in rosso il Monte dei Paschi (-0,19% a 1,028 euro) e Ubi Banca (-0,20% a 7,40 euro).

Fiat (+1,09% a 11,13 euro) ed Enel (+1,29% a 3,937 euro) sotto i riflettori del mercato. Manca ancora un tassello per arrivare all’obiettivo più volte annunciato dall’amministratore delegato Fulvio Conti: il debito di Enel scenderà a 45 miliardi di euro a fine 2010 dai 51 miliardi del 2009. E il tassello è rappresentato dalla cessione della centrale elettrica di Maritza, in Bulgaria, di cui Enel possiede il 73%. La vendita della quota dovrebbe portare nelle casse del colosso italiano circa 600 milioni di euro e “l’operazione dovrebbe concludersi entro l’anno”, ha dichiarato un analista contattato da Finanza.com. Fiat ha sfruttato la revisione del target price da parte del Credit Suisse a 10,5 euro. Pur confermando la raccomandazione neutral sul Lingotto il broker elvetico prevede che l’ultima parte del 2010 sarà molto positiva per la casa automobilistica di Torino. Secondo gli esperti il vero banco di prova per Fiat sarà il 2011, definito un anno “impegnativo in particolare per i ricavi relativi al settore auto”.