Dea Capital, i ribassi odierni appaiono come il classico pull back

Inviato da Riccardo Designori il Mar, 10/01/2012 - 13:19
In controtendenza rispetto al generale andamento dei listini azionari del Vecchio Continente, Dea Capital prosegue il movimento ribassista intrapreso dai massimi dello scorso 4 gennaio a 1,41 euro. La discesa a questo punto sembra destinata a proseguire verso i nuovi supporti dinamici forniti dalla trendline discendente transitante in area 1,2850 euro e ottenuta con i massimi descrescenti del 7 e 27 dicembre. La linea di tendenza indicata è stata violata al rialzo lo scorso 29 dicembre. Sempre nel medesimo giorno il titolo aveva inoltre trovato la forza per oltrepassare le resistenze statiche poste in area 1,343/1,347 euro, permettendo così il completamento di una tipica figura rialzista quale il doppio massimo costruito dal 17 novembre in poi. La progressione del 29 dicembre aveva infine consentito di incrociare positivamente le resistenze dinamiche espresse dalla media mobile a 14 e 55 periodi. In base agli elementi menzionati nel corso dell'analisi e constatando che a 1,2855 euro vi è anche il 50% del ritracciamento di Fibonacci calcolato sul movimento effettuato tra i minimi a 1,161 euro e i massimi a 1,41 euro, ingressi in acquisto a 1,2855 euro avrebbero come primo target gli 1,39 euro e come secondo gli 1,542 euro. Lo stop invece scatterebbe sotto 1,235 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA