I dati macro zavorrano Wall Street: Dow ad un soffio dai 10 mila punti

Inviato da Marco Berton il Mer, 25/08/2010 - 07:29
Un'altra seduta con il segno meno per Wall Street, appesantita dopo un'apertura negativa dal calo oltre le attese messo a segno dalle vendite di case esistenti, scese a luglio a 3,8 mln di unità. Tra gli altri dati macro della giornata, +1% mensile e +2,7% annuo dell'indice Redbook relativo le vendite nelle grandi catene retail statunitensi nelle prime 3 settimane di agosto, e calo a 11 punti per l'indice Richmond Fed ad agosto (attese a 12 punti). Il Dow ha chiuso in calo dell'1,32% portandosi a 10.040,45 punti, -1,45% per lo S&P a 1.051,87 e -1,66% per il Nasdaq che scende a 2.123,76.
Tra i retailers, Big Lots ha lasciato sul campo un pesante 2,8%; la società nel secondo trimestre ha registrato una crescita dei profitti del 37% e ricavi in salita del 5,1%. Sempre per quanto riguarda le trimestrali il primo trimestre si è chiuso in rosso per 62,5 mln per Barnes & Noble (-2,27%), con il fatturato che ha invece registrato una crescita del 21% a 1,4 mld di dollari. Nuova puntata della sfida per accaparrarsi 3Par (+3,64%). Secondo indiscrezioni Dell (-2,97%) starebbe per presentare una nuova offerta, dopo gli 1,6 mld messi sul piatto ieri da Hp (-1,66%). Restando in tema di M&A, PricewaterhouseCoopers ha annunciato l'acquisizione di Diamond Management & Technology Consultants (+31,45%) per un controvalore di 378 mln. Nel comparto oil Exxon e Chevron (-0,94% e -1,69%) hanno pagato dazio all'ennesimo calo registrato dal prezzo del greggio, sceso sotto i 72 dollari al barile.
COMMENTA LA NOTIZIA