Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 18/05/2011 - 09:09
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso, aumentando le perdite nell'ultima ora di contrattazioni in scia ai deludenti dati macro Usa di aprile. Sul fronte immobiliare, negli Stati Uniti i permessi edilizi sono stati pari a 551 mila unità rispetto ai precedenti 574 mila, mentre gli analisti avevano indicato 585 mila unità. Flop anche per i nuovi cantieri residenziali che si sono attestati a 523 mila unità dalle 549 mila unità del mese precedente, con il consensus che aveva pronosticato 568 mila unità. La produzione industriale è rimasta invariata con il mercato che scommetteva su un rialzo dello 0,8%. Inoltre non ha certamente aiutato l'andamento negativo di Wall Street. Sul fronte europeo, resta aperta l'ipotesi di una ristrutturazione soft del debito greco ma non una ristrutturazione su larga scala. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto l'1,27% a 21.408 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dell'1,14% a quota 22.150. Il Banco Popolare ha svettato sul paniere principale con un rialzo dello 0,42% a 1,913 euro dopo le recenti performance negative. In rosso il resto del comparto bancario: Monte dei Paschi ha ceduto lo 0,33% a 0,897 euro e Ubi Banca lo 0,35% a 5,63 euro all'indomani della pubblicazione dei conti relativi al primo trimestre 2011 e del piano industriale 2011-2013/2015. In negativo anche Intesa SanPaolo (-2,42% a 2,014 euro), Popolare di Milano (-1,83% a 2,14 euro) e Unicredit (-1,09% a 1,626 euro). Fiat Spa ha ceduto il 2,76% a 6,88 euro dopo il calo di oltre il 7% delle immatricolazioni ad aprile in Europa. Secondo Intermonte l'andamento di aprile è deludente con 83 mila auto immatricolate, in calo di oltre il 7% a fronte di un mercato in calo del 3,8%. Allargando l'orizzonte temporale il calo di Fiat è a doppia cifra: del 17%. "La nostra stima sull'anno prevede una flessione del 5% a 985 mila unità e potrebbe essere ottimistica", ha aggiunto la sim milanese. Male anche l'altro titolo della galassia Agnelli: Fiat Industrial ha perso il 2,59% a 9,79 euro.
I listini europei chiudono la seduta sotto la parità. Il Dax ha terminato in calo dell'1,77% a 7.256,65 punti, -1,21% per il Cac40 a 3.941,58, -1,06% per il Ftse100 che scende a 5.861 punti mentre a Madrid l'Ibex contiene le perdite con un -0,55% a 10.306,4.
COMMENTA LA NOTIZIA