1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in rialzo, frenata però dal debole andamento di Wall Street. Il listino meneghino ha perso infatti slancio nell’ultima ora di contrattazioni dopo la pubblicazione di alcuni deludenti dato macro Usa: le vendite di case esistenti di aprile si sono attestate a 5,05 milioni di unità (consensus 5,20 milioni) e il Philly Fed è sceso a 3,9 punti dai precedenti 18,5 punti (consensus 20 punti). Bene invece le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, calate a 409 mila contro attese che indicavano 420 mila. Questa mattina Tokyo ha chiuso in territorio negativo dopo la pubblicazione del Pil relativo al primo trimestre 2011. Nei primi tre mesi, infatti, l’economia giapponese ha subito una flessione annua del 3,7%, mentre le attese indicavano un calo più contenuto dell’1,9%. E così a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,54% a 21.559 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,54% a quota 22.309. Acquisti su Fiat Spa (+1,31% a 6,96 euro) dopo che Chrysler ha chiuso ieri notte la sottoscrizione del rifinanziamento del debito che consentirà il rimborso dei 7,6 miliardi di dollari dovuti al Governo americano e a quello canadese. Comparto bancario diviso in due, con i grandi istituti che hanno chiuso in territorio positivo: Monte dei Paschi (+1,17% a 0,908 euro), Unicredit (+1,24% a 1,63 euro) e Intesa SanPaolo (+0,20% a 2,01 euro). Male invece le popolari: Popolare di Milano ha ceduto l’1,30% a 2,12 euro, Ubi Banca lo 0,27% a 5,52 euro e Banco Popolare lo 0,47% a 1,925 euro. Lottomatica si è ripresa dopo il tonfo di ieri e ha guadagnato lo 0,55% a 14,53 euro in scia ai dati sul mercato italiano del gaming che ad aprile hanno mostrato una crescita delle giocate del 19% a 6 miliardi di euro, mentre da inizio anno la crescita è stata pari al 18%. Da segnalare il forte rialzo del Lotto (+31%). Enel Green Power ha mostrato un progresso dello 0,16% a 1,90 euro dopo aver annunciato ieri l’avvio dei lavori per la costruzione del progetto eolico da 200 MW in Kansas. Resta alta l’attenzione su Generali (+0,57% a 15,84 euro). Ieri il group Ceo del Leone, Giovanni Perissinotto, ha confermato che la compagnia non è alla ricerca di incroci azionari con la banca russa Vtb ma alla creazione di una joint venture assicurativa multicanale con Vtb di cui punterebbe a detenere il 51%.
Chiusura di seduta tutta con il segno più per le piazze del Vecchio continente. A Parigi il Cac40 ha terminato in rialzo dell’1,25 a 4.027,7 punti, +0,75% per il tedesco Dax che sale a 7.358,2, +0,55% del Ftse100 a 5.956 e +0,32% dell’Ibex a 10.376,8.