1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuova giornata di passione per le Borse europee. A fine giornata Piazza Affari ha archiviato la seduta nei pressi dei minimi di giornata con ribassi nell’ordine dei 6 punti percentuali. Il Ftse Mib ha ceduto il 6,65% a 14.676 punti, attestandosi ai minimi dal 27 marzo 2009. Dopo un avvio di giornata positivo tranquillo in scia al rimbalzo di ieri di Wall Street e ai positivi riscontri arrivati dall’asta Bot a 12 mesi, è partita un’ondata di vendite che ha colpito soprattutto i titoli bancari. A preoccupare gli investitori hanno contribuito le indiscrezioni circa un possibile downgrade del rating tripla A della Francia. Al momento Moody’s e Fitch hanno confermato il loro giudizio positivo sul Paese transalpino. Questa mattina a Parigi si è tenuto un vertice straordinario all’Eliseo a cui ha partecipato anche il presidente Sarkozy. Al termine dell’incontro il Governo ha dichiarato che il prossimo 24 agosto verranno annunciate nuove misure per ridurre il deficit. A Piazza Affari è stato il comparto finanziario a guidare i ribassi con una serie di sospensioni al ribasso per i principali titoli del comparto. Intesa SanPaolo ha guidato i ribassi con un calo del 13,72% a quota 1,132 euro, sui minimi dal luglio 1997. Flessione a doppia cifra anche per Ubi Banca (-10,17%). Unicredit ha lasciato sul parterre il 9,37% a 0,967 euro. Equita ha confermato oggi la raccomandazione hold sull’istituto di piazza Cordusio con target price a 1,4 euro. “Le stime 2012 di consensus sono ancora molto ottimistiche (3,2 miliardi contro il nostro 2,8 miliardi) – rimarca la sim milanese – e il rischio aumento di capitale rimane un freno alle quotazioni”. Inoltre, il deprezzamento delle valute di Turchia, Russia, Polonia rende più difficoltoso e più costoso per i sistemi bancari di quei Paesi finanziare la crescita degli impieghi con raccolta sui mercati internazionali mettendo sotto pressione i multipli delle banche locali. Gli unici titoli a schivare le vendite sul Ftse Mib sono stati Parmalat (+2,06%) e Tod’s (+2,54%). Tra gli industriali massicce vendite su Fiat (-8,23%), Prysmian (-9,35%) e Buzzi (-9,47%).

Commenti dei Lettori
News Correlate
RINNOVABILI

Falck Renewables: acquisite due società svedesi

Falck Renewables oggi ha perfezionato l’acquisizione del 100% di due società a responsabilità limitata (Aliden Vind AB e Brattmyrliden Vind AB), che possiedono due progetti pronti per la costruzione in …

MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Dopo una prima parte incerta, chiusura di ottava intorno alla parità per le borse europee. Tra le cause della risalita troviamo le indicazioni migliori delle stime arrivate dai dati macro: …