1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in rialzo riducendo però i guadagni sul finale di seduta. Il listino meneghino arrivava dalle maxi perdite delle ultime sedute, alimentate dalla paura di una ricaduta in recessione. JP Morgan, Citigroup e Goldman Sachs hanno infatti rivisto al ribasso le loro previsioni sul Pil statunitense per il terzo e il quarto trimestre dell’anno in corso. Ieri mattina Deutsche Bank ha invece tagliato le stime di crescita 2012 dell’Eurozona a +0,8% dal +1,5% indicato in precedenza. Una scossa è arrivata dalla Libia: Tripoli è finita nelle mani dei ribelli e il destino di Gheddafi sembra ormai segnato. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato l’1,78% a 14.861 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell’1,84% a quota 15.697.

A guidare i rialzi ci hanno pensato le società che potrebbero maggiormente beneficiare di una possibile stabilizzazione del quadro politico in Libia: Eni ha svettato sul paniere principale con un balzo del 6,33% a 13,27 euro, Ansaldo Sts ha mostrato un progresso del 5,03% a 5,95 euro. “Il gruppo Eni avrà in futuro un ruolo di primo piano nel settore energetico della Libia”, ha dichiarato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, aggiungendo che “i tecnici Eni stanno già lavorando insieme agli insorti libici al fine di riattivare gli impianti di petrolio e gas”. Contrastato il comparto bancario: Popolare di Milano ha guadagnato il 4,61% a 1,655 euro, Ubi Banca il 2,55% a 2,656 euro, Banco Popolare l’1,27% a 1,192 euro, Monte dei Paschi lo 0,70% a 0,443 euro.

Male Intesa SanPaolo che ha lasciato sul parterre il 2,65% a 1,102 euro. Unicredit (-0,11% a 0,899 euro) è finita sotto i riflettori in scia ad alcune indiscrezioni di stampa russe, secondo cui la banca guidata da Ghizzoni starebbe pensando di cedere la filiale russa della controllata Pioneer. Non c’è pace per Fiat Spa che ha ceduto il 2,32% a 4,048 euro nonostante le rassicurazioni di Sergio Marchionne: “l’azienda finanziariamente è solida, abbiamo creato una buona cassa”.