Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 20/10/2011 - 08:58
La Borsa di Milano ha archiviato la seduta in rialzo conquistando il titolo di miglior piazza europea, nonostante il debole avvio di Wall Street. Ha influito positivamente la voce su un possibile accordo tra Francia e Germania su un ulteriore rafforzamento di almeno mille miliardi di euro del Fondo salva-stati europeo. E così a Piazza Affari il Ftse Mib è avanzato del 2,02% a 16.293 punti mentre il Ftse All Share si è attestato a 17.036 punti in progresso dell'1,67 per cento.

Brillante il comparto bancario. Intesa Sanpaolo si è aggiudicata la maglia rosa del listino meneghino chiudendo con un rialzo del 7,32% a 1,335 euro. Secondo piazzamento per Unicredit (+5,20% a 0,96 euro). Positive anche Mediobanca (+1,75% a 6,10 euro), Banco Popolare (+2,85% a 1,229 euro), Ubi (+1,49% a 3,13 euro), Bpm (+0,28% a 1,773 euro) e Mps (+1,20% a 0,395 euro).

Buone performance anche per Ansaldo Sts (+3,23% a 7,99 euro) e Lottomatica che ha terminato gli scambi in progresso del 5,41% a quota 13,25, dopo l'uscita dei dati sulla raccolta del Lotto di settembre. Eni ha chiuso la seduta in progresso dell'1,75% a 15,72 euro, in scia alle parole dell'Ad Paolo Scaroni rilasciate in un'intervista al Corriere della Sera. Per quanto riguarda la rinegoziazione dei contratti "take or pay" con Gazprom, si ipotizza uno sconto sul prezzo delle forniture superiore al 10% ottenuto dai gruppi tedeschi Rwe e E.On. Negativa la Galassia Agnelli: giù del 2,50% a 4,676 euro Fiat Spa, dello 0,34% a 5,81 euro Fiat Industrial e dello 0,44% a 15,80 euro la holding Exor.

Chiusura tutta con il segno più per i listini europei. A Londra il Ftse100 con un +0,74% è salito a 5.450,49 punti, il Dax ha messo a segno un rialzo dello 0,61% portandosi a 5.913,53, +0,52% per il Cac40 a 3.157,34 e +0,43% per l'Ibex che ha terminato la seduta a 8.849,5.
COMMENTA LA NOTIZIA