1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in deciso rialzo una giornata movimentata, con l’indice Ftse Mib oscillato tra un minimo intraday di 13.432 punti ed un massimo di 14.337. A Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato il 3,32% a 14.118 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato del 2,84% a quota 14.876.

Giornata da protagonista per l’intero comparto finanziario. In primis da segnalare la brillante performance delle banche: Intesa SanPaolo ha guadagnato l’8,31% a 1,095 euro, Ubi Banca il 5,96% a 2,63 euro, Monte dei Paschi il 4,30% a 0,40 euro, Unicredit il 6,33% a 0,722 euro, Banco Popolare il 2,87% a 1,148 euro. Ma i riflettori sono tutti puntati sulla Popolare di Milano (+3,70% a 1,43 euro), il cui Cda sarà chiamato oggi ad approvare il nuovo modello di governance e l’ammontare definitivo dell’aumento di capitale. Molto bene anche il settore attivo nel risparmio gestito: Mediolanum è avanzata del 5,51% a 2,606 euro, Azimut del 6,07% a 4,89 euro.

Eni tema caldo di giornata. Il gruppo di San Donato Milanese, che ha archiviato la seduta con un +1,37% a 12,54 euro, ha annunciato di aver avviato la riapertura di quindici pozzi nel giacimento libico di Abu-Attifeel, situato circa 300 km a sud di Benghazi. Debole Enel Green Power (+0,12% a 1,666 euro) che ha pagato il downgrade da parte di Intermonte a neutral dal precedente outperform. Brillante invece la performance della capogruppo Enel (+3,78% a 3,02 euro).

Chiusura in ampio territorio positivo per i listini europei. Il tedesco Dax ha terminato in rialzo del 2,87% salendo a 5.345,56 punti, +2,56% per l’Ibex che si porta a 8.201,7, +1,75% del Cac40 a 2.859,34 mentre a Londra il Ftse100 con un +0,45% si è attestato a 5.089,37.