1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in ribasso peggiorando sul finale di seduta dopo che l’indice Ftse Mib si era spinto oltre i 14.800 punti. La giornata si era aperta con le vendite sulle piazze asiatiche, scivolate dopo la notizia della morte del leader nordcoreano Kim Jong-il.
Al Parlamento Ue Mario Draghi ha ribadito che il programma di acquisto bond della Bce non è infinito e che è necessaria l’accelerazione nell’attuazione del Fondo salva-Stati per allentare le pressioni su banche e obbligazioni governative. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto lo 0,16% a 14.548 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,19% a quota 15.258.

Contrastato il comparto bancario: Unicredit ha guadagnato il 2,20% a 0,696 euro, Mediobanca l’1,86% a 4,602 euro, Intesa SanPaolo lo 0,33% a 1,22 euro e Banco Popolare l’1,28% a 1,029 euro. Sono invece scivolati in territorio negativo Bpm (-2,99% a 0,292 euro), Mps (-2% a 0,254 euro), Ubi Banca (-1,01% a 3,142 euro). Impregilo ha mostrato un progresso dell’1,51% a 2,284 euro confermando il suo appeal speculativo. Male Fiat Spa (-2,10% a 3,36 euro). Le immatricolazioni della casa torinese a livello mondiale a novembre sono calate del 9% annuo di 13 mila unità, sottoperformando i mercati di riferimento che hanno mostrato una flessione del 2% rispetto all’anno scorso. Vendite su Mediaset, che ha archiviato la seduta con un ribasso del 3,18% a 1,977 euro.

Anche i listini nell’ultima mezz’ora di contrattazione sono risultati penalizzati dalle parole del n.1 dell’Eurotower. Segno più in chiusura di seduta per l’Ibex (+0,6%) e per il Cac40 (+0,06%) che hanno terminato rispettivamente a 8.253 ed a 2.974,2 punti; sotto la parità il Ftse100 (-0,41%) ed il Dax (-0,54%) a 5.364,99 ed a 5.670,71.