1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata altalenante per la Borsa di Milano con l’indice Ftse Mib che ha oscillato per tutta la seduta a cavallo della linea di parità. Sui mercati si è fatto sentire l’avvertimento di Moody’s sulla Francia. L’agenzia ha infatti messo sotto revisione l’outlook sul rating transalpino AAA, che potrebbe quindi essere ridotto a negativo da stabile. I riflessi maggiori si sono registrati sull’obbligazionario, con lo spread Oat-Bund arrivato al record di 111 punti base mentre il Btp-Bund è risalito sopra i 380 punti base. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,35% a 15.970 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,31% a quota 16.757.

Brillante Autogrill (+3,72% a 8,35 euro) dopo un articolo del Sole 24 Ore secondo cui Gilberto Benetton sarebbe alla ricerca di alleanze per crescere nel segmento duty free. Bene anche Pirelli che ha svettato sul paniere principale con un balzo del 3,94% a 6,46 euro. Male Enel (-1,79% a 3,406 euro) che ieri ha emesso due obbligazioni per 2,25 miliardi di euro con scadenza 4 e 7 anni, con spread rispettivamente di 290 punti base e di 350 punti base. Per quanto riguarda il comparto bancario sono scattati gli acquisti: Unicredit ha guadagnato il 2,70% a 0,914 euro, Intesa SanPaolo l’1,22% a 1,244 euro, Ubi Banca l’1,72% a 3,084 euro, Banco Popolare lo 0,84% a 1,195 euro, Popolare di Milano lo 0,97% a 1,768 euro. In netta controtendenza il Monte dei Paschi che ha lasciato sul parterre l’1,19% a 0,39 euro.

I listini europei chiudono la seduta misti. Il Cac40, complice l’agenzia di rating Moody’s, ha registrato la performance peggiore arretrando dello 0,79% a 3.141,1 punti, -0,6% per l’Ibex a 8.811,3 e rosso di mezzo punto percentuale per il Ftse100 (-0,48%) a 5.410,35. Sopra la parità il tedesco Dax, salito dello 0,31% a 5.877,41.