1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Iniezione di fiducia per la Borsa di Milano dopo il tracollo della vigilia subito dai titoli di Stato e dai listini. A tirare su l’umore degli investitori è l’ipotesi di un governo di transizione guidato dall’economista ed ex-commissario Ue, Mario Monti. Il Tesoro ha collocato Bot a 1 anno per 5 miliardi di euro con rendimenti schizzati al 6,087% dal 3,57% di un mese fa. In questo scenario il Ftse Mib ha registrato un +0,97% a 15.218 punti, mentre il Ftse All Share è salito dello 0,75% attestandosi a 15.995 punti.

Brillante il comparto bancario: in rialzo del 3,92% a 0,782 euro Unicredit, del 2,61% a 1,179 euro Intesa Sanpaolo, del 3,57 a 0,987 euro Banco Popolare, del 2,55% a 2,57 euro Ubi Banca, dello 0,55% a 0,344 euro Bpm, dell’1,29% a 0,283 euro Mps e in progresso dello 0,64% a 5,505 euro Mediobanca. Bene anche il comparto del risparmio gestito. Maglia rosa del listino meneghino per Azimut (+7,31% a 5,80 euro) nel giorno della pubblicazione della trimestrale. Bene anche Mediolanum che chiude avanzando del 3,87% a quota 2,684. Mediaset ha tentato il rimbalzo dopo il tonfo di ieri in scia alle annunciate dimissioni del premier Silvio Berlusconi. Cologno Monzese ha terminato gli scambi in flessione dello 0,54% a 2,194 euro. Ancora in rosso Lottomatica che chiude giù del 2,75% a 11,67 euro. Bene Enel Green Power (+1,17% a 1,648 euro). Oggi la società ha annunciato l’entrata in esercizio dei primi 40 dei 90 Mw del parco eolico di Portoscuso, in Sardegna che sarà il più grande della controllata verde di Enel. Netto ribasso per A2a (-2,19% a 0,895 euro) alla prova dei conti. Fanalino di coda del paniere principale Ansalso Sts (-2,86% a 6,79 euro), su cui ha pesato il downgrade di Banca Akros.
Chiusura in sostanziale parità per i listini europei. A Madrid l’Ibex ha terminato in calo dello 0,36% portandosi a 8.310,9 punti, andamento simile anche per il Cac40 (-0,34%) e per il Ftse100 (-0,28%) che scendono rispettivamente a 3.064,84 ed a 5.444,82. Sopra la parità il tedesco Dax, che con un +0,66% si è portato a 5.867,81.