1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano chiude in netto rialzo dopo una partenza tinta di rosso, nel giorno d’inaugurazione del G20 a Cannes. La mattinata è stata caratterizzata da una certa volatilità per poi proseguire nettamente in rialzo in scia al taglio dei tassi da parte della Bce e al dietrofront di Papandreou sul referendum. E così il Ftse Mib ha guadagnato il 3,23% attestandosi a 15.766,16 punti e il Ftse All Share è avanzato del 2,98% a quota 16.595,14.

Brillante il comparto bancario, dopo un avvio in netto ribasso. Bene Unicredit che ha chiuso la seduta in rialzo del 4,58% a 0,833 euroAcquisti diffusi anche su Intesa Sanpaolo (+3,68% a 1,184 euro), Ubi Banca (+5,27% a 2,716 euro), Mps (+2,27% a 0,319 euro), Banco Popolare (+2,50% a 1,025 euro) e Mediobanca (+1,71% a 5,65 euro). In controtendenza la Popolare di Milano che ha terminato gli scambi in flessione del 2,30% a quota 0,390. Buone performance anche per la Galassia Agnelli. Fiat Spa ha chiuso in rialzo del 5,59% a 4,38 euro, Fiat Industrial del 6,50% a 6,55 euro ed Exor del 5,08% a 15,72 euro. Eni ha mostrato un progresso dell’1,35% a 15,76 euro. Nomura ha confermato il giudizio buy sul colosso petrolifero italiano con target price a 20 euro. Gli analisti si attendono una rapida ripresa nei prossimi mesi della produzione petrolifera e soprattutto di gas. Tenaris ha messo le ali ai piedi dopo l’uscita dell’ottima trimestrale. Il titolo ha archiviato la seduta in rialzo del 14,18% a 12,8 euro. La società ha chiuso il penultimo trimestre dell’anno con un utile netto pari a 365,5 milioni di dollari, in rialzo del 21% rispetto ai 302,7 milioni registrati nell’analogo periodo nel 2010. Bene STMicroelectronics (+9% a 4,87 euro), dopo che la joint venture con Ericsson è stata scelta da Nokia come fornitore dei suoi futuri processori basati sulla piattaforma Windows Mobile.

Chiusura tutta con il segno più per i listini europei. A Londra il Ftse100 ha terminato in rialzo dell’1,12% a 5.545,64 punti, +1,61% per lo spagnolo Ibex a 8.712,6 punti, +2,73% del Cac40 a 3.195,47 e +2,81% del tedesco Dax che si porta a 6.133,18.